In evidenza

Presentazione  volume

La  questione meridionale in breve. Centocinquant'anni di storia.


Il 4 aprile 2018, alle ore 16,30, presso la Società Napoletana di Storia Patria, Franca Assante, Francesco Dandolo e Luigi Musella presentano

il volume di Guido Pescosolido La  questione meridionale in breve. Centocinquant'anni di storia. Roma, Donzelli 2017

Introduce Renata De Lorenzo

Sarà presente l’autore

News

Ultime pubblicazioni

Sono disponibili per la vendita e la consultazione gli ultimi volumi editi dalla Società all'interno della collana Biblioteca storica meridionale. Saggi. C. Guerra, Lavoisier e Parthenope. Contributo ad una storia della chimica del regno di Napoli, Napoli, 2017  € 25,00 N. De Blasi, Saggi linguistici sulla storia di Napoli, Napoli, 2017 € 20,00

Cibo, territorio e socialità. Mostra virtuale

E' possibile visitare la mostra virtuale Cibo, territorio e socialità. Il cibo nel territorio campano tra realtà e rappresentazioni al seguente link cibocampania.it

Donne che sanno

La Società ospita gli incontri 2018 del progetto Donne che sanno, promosso dal Fondo Mario e Paola Condorelli. Programma

Approfondimento

La Società Napoletana di Storia Patria, con sede in Castelnuovo, è, tra le società storiche nazionali, una delle più importanti sia per l'antichità delle sue origini, sia per la ricchezza del patrimonio librario che custodisce, sia per la vitalità delle sue iniziative scientifico - editoriali.

L'istituzione, sorta nel dicembre 1875, riconosciuta Ente Morale con R.D. 29 Giugno 1882, fu fondata da alcuni illustri studiosi, fra cui Bartolommeo Capasso, Francesco Correale, Vincenzo Cuomo, Bernardo Gaetani, Giuseppe, Giorgio, Luigi e Scipione Volpicella, ma la prima Società Storica Napoletana fu ideata da Carlo Troya nel 1843 e si inserisce in quel complesso di iniziative che portarono alla nascita di una rete di Deputazioni (organismi a nomina statale) e di Società (organismi costituiti per iniziativa locale), con l'ideale intento di contribuire, con lo studio del passato, a cementare l'unità morale degli italiani.