In evidenza

logo


Martedì 15 novembre 2016, alle ore 10,00 nella sede della Società Napoletana di Storia Patria,è stato presentato il Polo digitale degli istituti culturali di Napoli, nato dalla collaborazione tra la Cappella del Tesoro di San Gennaro, la Fondazione Biblioteca Benedetto Croce, l’Istituto Italiano per gli Studi Storici, il Pio Monte della Misericordia e la Società Napoletana di Storia Patria.

Gli Istituti hanno destinato ad un progetto condiviso i fondi europei assegnati a ciascuno di essi dalla Regione Campania per la “Digitalizzazione e messa in rete di archivi e biblioteche pubblici e privati” (Bando Regione Campania – POR-FESR 2007-2013), creando una piattaforma comune per la catalogazione, la digitalizzazione e la fruizione dei beni librari, archivistici e museali che costituiscono il ricco patrimonio culturale delle cinque prestigiose istituzioni.

Programma

Dal Corriere del Mezzogiorno

Da Repubblica. Napoli

Da Il denaro

Da Libero pensiero. Quotidiano indipendente online

Da TG3 Campania


News

Variazione orari sala studio

Martedì 15 novembre, in occasione della presentazione del Polo Digitale degli Istituti Culturali di Napoli, la sala studio sarà aperta solo in orario pomeridiano, dalle 14,30 alle 18,00.

Ultime pubblicazioni

Sono in vendita presso gli uffici della Società le ultime pubblicazioni

Inventario De Cesare-Simonelli

E' consultabile on line, alla pagina Biblioteca Digitale, l'inventario del fondo di pergamene donato da Carlo De Cesare e Assunta Simonelli.

Approfondimento

La Società Napoletana di Storia Patria, con sede in Castelnuovo, è, tra le società storiche nazionali, una delle più importanti sia per l'antichità delle sue origini, sia per la ricchezza del patrimonio librario che custodisce, sia per la vitalità delle sue iniziative scientifico - editoriali.

L'istituzione, sorta nel dicembre 1875, riconosciuta Ente Morale con R.D. 29 Giugno 1882, fu fondata da alcuni illustri studiosi, fra cui Bartolommeo Capasso, Francesco Correale, Vincenzo Cuomo, Bernardo Gaetani, Giuseppe, Giorgio, Luigi e Scipione Volpicella, ma la prima Società Storica Napoletana fu ideata da Carlo Troya nel 1843 e si inserisce in quel complesso di iniziative che portarono alla nascita di una rete di Deputazioni (organismi a nomina statale) e di Società (organismi costituiti per iniziativa locale), con l'ideale intento di contribuire, con lo studio del passato, a cementare l'unità morale degli italiani.