In evidenza

Gentili Soci, 

siamo tutti coinvolti in questa terribile fase che stanno vivendo non solo l’Italia e Napoli, ma buona parte della popolazione mondiale. Speriamo di uscirne presto. 

Nel frattempo, ritengo che sia opportuno cercare di continuare a svolgere i nostri compiti e, grazie anche ai sistemi di comunicazione che ci consentono di essere in contatto senza una pericolosa vicinanza fisica, garantire la continuità delle attività e dell’impegno individuali e collettivi. 

Per tale motivo il Consiglio Direttivo della Società Napoletana di Storia Patria ha deciso di convocare l’annuale Assemblea dei soci per il 31 marzo, per via telematica, con all’ordine del giorno esclusivamente l’approvazione dei bilanci. Non ci saranno né la rituale relazione di uno studioso né il buffet finale con le tradizionali coviglie, che rimandiamo ad altra occasione.

Fra qualche giorno riceverete i bilanci stessi, la relazione del Presidente sulla "Vita della Società" nel 2019, quelle del Tesoriere e dei Sindaci, il bilancio preventivo 2020.

Dovrete approvarli tramite e-mail e/o inviare richieste di chiarimenti nella fascia oraria tra le 16,30 e le 18,30.

Un cordiale saluto

Renata De Lorenzo

 

News

Prof. Raffaele Ajello

Il Consiglio Direttivo, i soci e il personale della Società Napoletana di Storia Patria esprimono profondo cordoglio per la perdita del Prof. Raffaele Ajello

Chiusura per emergenza COVID-19

La Presidenza del Consiglio ha adottato a partire dall’8 marzo 2020, nuove misure di contenimento dell’emergenza epidemiologica COVID-19 nelle cosiddette zone rosse e sull’intero territorio nazionale.

Nuova pubblicazione

E' disponibile per l'acquisto e la consultazione l'ultimo volume edito dalla Società: Gioacchino Murat, un sovrano napoleonico alla periferia dell'Impero : atti del convegno internazionale di studi. Pizzo, 12-13 ottobre 2015 / a cura di Renata De Lorenzo

Approfondimento

La Società Napoletana di Storia Patria, con sede in Castelnuovo, è, tra le società storiche nazionali, una delle più importanti sia per l'antichità delle sue origini, sia per la ricchezza del patrimonio librario che custodisce, sia per la vitalità delle sue iniziative scientifico - editoriali.

L'istituzione, sorta nel dicembre 1875, riconosciuta Ente Morale con R.D. 29 Giugno 1882, fu fondata da alcuni illustri studiosi, fra cui Bartolommeo Capasso, Francesco Correale, Vincenzo Cuomo, Bernardo Gaetani, Giuseppe, Giorgio, Luigi e Scipione Volpicella, ma la prima Società Storica Napoletana fu ideata da Carlo Troya nel 1843 e si inserisce in quel complesso di iniziative che portarono alla nascita di una rete di Deputazioni (organismi a nomina statale) e di Società (organismi costituiti per iniziativa locale), con l'ideale intento di contribuire, con lo studio del passato, a cementare l'unità morale degli italiani.